9 giugno 2014

Melanoma, oggi disponibile la terapia personalizzata per combatterlo

Condividi l'articolo
Melanoma, oggi disponibile la terapia personalizzata per combatterlo

Al melanoma nel mondo sono correlati 65 mila decessi all’anno. Si tratta di una cifra impressionante, considerando che la prima causa della forma tumorale della cute è l’eccessiva esposizione solare. Prevenire il melanoma è senza dubbio possibile (leggi qui le 10 regole d’oro per la prevenzione), ma nel caso in cui la prevenzione non si sia dimostrata sufficiente è di fondamentale importanza una diagnosi precoce e un tempestivo intervento terapeutico.

Per i casi più gravi di melanoma metastatico sono oggi disponibili terapie innovative e personalizzate, in grado di agire in modo specifico sulla proteina BRAF mutata presente in circa 1 paziente su 2. Si tratta di Vemurafenib,un enzima inibitore della proteina BRAF, che ha dimostrato in un recente studio clinico di aumentare in maniera significativa la sopravvivenza senza progressione (PFS) e la sopravvivenza globale (OS) rispetto al trattamento standard con chemioterapia (dacarbazina). Il farmaco sembra essere in grado di agire rapidamente anche in presenza di un volume tumorale importante, con una riduzione o stabilizzazione della massa tumorale in circa l’80% dei pazienti. I nuovi dati disponibili emersi dallo studio pubblicato su The Lancet Oncology e realizzato su oltre 3.200 pazienti con melanoma metastatico di 44 diversi Paesi, primo fra tutti l’Italia, hanno confermato l’efficacia e il profilo di sicurezza emerso negli studi di registrazione, ma questa volta in un contesto più vicino alla pratica clinica.

E’ proprio nel periodo estivo che è fondamentale fare informazione sulla prevenzione e la diagnosi precoce del melanoma perché esso, se non trattato immediatamente, può degenerare nella forma metastatica, associata a un’alta mortalità. Se avete la pelle molto chiara e vi scottate facilmente, oppure se nella vostra famiglia ci sono stati casi di melanoma dovete tener presente che siete “soggetti ad alto rischio”. Per questo è necessario effettuare periodici controlli dermatologici e fare molta attenzione ai segnali che indicano la presenza di melanomi: nei asimmetrici, irregolari, di dimensioni superiori ai 6 millimetri, nei che cambiano dimensioni. Quando notate questi sintomi, anche se pensate che non si tratti di nulla di grave, non aspettate: prenotate una visita dal vostro dermatologo di fiducia.

 

 

I.V.

News correlate