19 febbraio 2014

Influenza, il pericolo ancora in agguato

Condividi l'articolo
Influenza, il pericolo ancora in agguato

L’epidemia di influenza stagionale dovrebbe essere agli sgoccioli. Con febbraio dovrebbero infatti iniziare a calare i casi di influenza, che anche quest’anno colpirà un totale di quasi sei milioni di italiani. Nessun allarme particolare per il 2014, all’insegna di sigle ormai note: il virus H1N1 dell’influenza A, la variante H3N2 e il virus di tipo B. Tutto sotto controllo quindi per quelli che devono essere considerati normali malanni di stagione.

Chi non si è vaccinato può ancora farlo: anziani, malati cronici, donne in gravidanza e bambini prematuri possono evitare i rischi di complicanze inutili. Le vaccinazioni vengono effettuate dai medici di famiglia e dai servizi vaccinali dell’Azienda Sanitaria Locale.  Agli operatori sanitari e socio-sanitari la vaccinazione gratuita viene offerta direttamente dalle Aziende sanitarie. Per tutti gli altri possono essere utili poche e semplici regole di base sintetizzate qui di seguito

Quando siete malati restate a casa. Riposare significa guarire prima e restare a casa è un buon modo per non diffondere ulteriormente i virus nei luoghi di lavoro e sui mezzi pubblici.

Assumente antibiotici solo su prescrizione del medico di base. Se predomina la febbre, il paracetamolo è ottimo ed è sicuro anche nei bambini; se ci sono molti dolori si può scegliere un principio attivo come l’acido acetilsalicilico o l’ibuprofene, che all’azione antipiretica associano effetti antinfiammatori, se la tosse è fastidiosa sì a un prodotto che la calmi. Vanno bene anche le associazioni, se i “fronti” su cui agire sono più di uno, l’importante è non esagerare. Per qualunque dubbio rivolgetevi al medico di base.

 

Seguite le regole igienico sanitarie di base per evitare il contagio: lavatevi spesso le mani col sapone, coprite bocca e naso in caso di starnuti e colpi di tosse con un fazzolettino di carta che poi va gettato, non toccatevi occhi naso e bocca con le mani non lavate.

Via libera a frutta e verdura che si sa, non fanno miracoli, ma forniscono al nostro organismo le vitamine necessarie a stare bene e a mantenere le difese immunitarie efficienti.

Vi siete ammalati lo stesso? Abbiate un po’ di pazienza, tra circa una settimana sarete come nuovi!

(I.V.)

News correlate