8 ottobre 2020

8 ottobre 2020: Giornata Mondiale della vista

Condividi l'articolo
8 ottobre 2020: Giornata Mondiale della vista

Oggi, 8 ottobre 2020, in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Vista, una data importante per sensibilizzare sul tema della cecità evitabile e della disabilità visiva.

Per portare l’attenzione sulle dimensioni del fenomeno e sull’importanza della prevenzione, abbiamo intervistato il Dott. Luigi Marino, oculista e Direttore dell'Istituto Europeo di Oftalmologia.

L'obiettivo è accrescere la consapevolezza di tutti sulla riabilitazione delle patologie visive poiché le malattie oculari interessano tutte le fasce d'età. "Potremmo però dire che le patologie della macula, del cristallino e dell’apparato lacrimale sono tipiche della terza età. Un dato suggestivo relativo ai vizi di refrazione è che i bambini costretti a studiare in luoghi chiusi e che ormai utilizzano computer, tablet e cellulare sin da tenerissima età stanno miopizzando. In Nord America e in Europa siamo ormai di fronte ad una vera e propria epidemia di miopia." afferma lo specialista.

 

Quali sono le malattie dell’occhio che possono portare a cecità?

Cataratta e glaucoma sono al primo e secondo posto. La cataratta è la lenta e progressiva opacizzazione del cristallino, la lentina che abbiamo dentro l’occhio e che ci fa vedere. Il glaucoma è invece un aumento della pressione intraoculare, più correttamente definito ipertono oculare.

Quando la pressione endo-oculare è molto alta schiaccia la testa del nervo ottico e le sue fibre nervose soffrono creando un deficit della periferia del campo visivo. Se non curato l’ipertono oculare porta a cecità in tempi relativamente brevi.

 

Cosa si intende per maculopatia?

La maculopatia è la malattia che affligge la macula, la parte più nobile e ricca di recettori della retina. Noi vediamo a colori e distintamente proprio grazie alla macula.

Le maculopatie possono essere legate a fenomeni correlati a gravi vizi di refrazione: maculopatia miopica o molto più frequentemente oggi parliamo di  degenerazione maculare legata all’età.

La degenerazione maculare correlata all’età costituisce la più importante causa di danno visivo nella popolazione adulta.

 

Quali sono le cause della degenerazione maculare senile?

Come tutte le patologie degenerative, anche per la degenerazione maculare senile non è possibile identificare una vera e propria causa, mentre si riconoscono alcuni fattori di rischio, che aumentano le probabilità di andare incontro alla malattia:

- Età avanzata

- Fumo di sigaretta

- Familiarità per degenerazione maculare correlata all’età

- Ipertensione arteriosa

- Malattie cardio-vascolari

 

Quali sono i sintomi?

La maculopatia esordisce con un calo visivo, molto comune è la difficoltà di leggere. Questo calo visivo può essere lentamente progressivo (forma atrofica), ma molto spesso è rapidamente progressivo (nella forma neovascolare).

La visione distorta (le linee diritte diventano storte) è un segno premonitore importante.

Nelle forme avanzate di maculopatia, la visione centrale è gravemente compromessa e si percepisce una macchia fissa al centro del campo visivo.

Raramente non si avverte alcun sintomo, perché un solo occhio è malato mentre l’altro compensa il difetto visivo.

 

Diagnosi

Per diagnosticare una maculopatia bisogna eseguire una visita dal medico specialista oculista completa di una valutazione del segmento anteriore e di un esame del fundus oculi in midriasi (dilatazione della pupilla). Esami utili per la diagnosi corretta sono:

- Angiografia retinica a fluorescenza: determina la presenza, l’estensione, e la sede della neovascolarizzazione. Impiegando filtri specifici, viene usualmente completata dalla retinografia ad autofluorescenza, indicata per la diagnosi della maculopatia atrofica.

- Angiografia retinica con verde indocianina: utile soprattutto in presenza di emorragia maculare, distacco dell’epitelio pigmentato, quando si sospettino lesioni occulte, o coroidopatia polipoidale idiopatica, o proliferazione angiomatosa retinica.

- Tomografia ottica a coerenza (OCT): essenziale per la diagnosi ed il monitoraggio della risposta alla terapia.

 

Come prevenire le patologie oculari?

- Occhiali da sole

- Occhiali da computer

- Dieta ricca

- Vita all’aria aperta 

 

Come proteggere i nostri occhi evitando comportamenti dannosi?

Durante l'esposizione al sole è bene proteggere gli occhi con lenti certificate UV per evitare lesioni che possano essere pericolose. Per questo motivo meglio indossare occhiali con filtro per la luce blu e un cappellino. Altra precauzione fondamentale è proteggere gli occhi durante il lavoro e l'attività sportiva, questo è necessario per prevenire la maggior parte delle patologie oculari.

 

Consigli per la salute oculistica 

Passare molte ore davanti al computer può affaticare gli occhi perché la luce del monitor è innaturale, ecco perchè soprattutto i bambini dovrebbero limitare l'utilizzo del computer e della televisione, trascorrendo molto più tempo all'aria aperta. Gli adulti con più di 40 anni, invece, dovrebbero sottoporsi a visite preventive accurate periodiche e gli over 65 dovrebbero effettuare una visita oculistica ogni 6 mesi.

News correlate