16 marzo 2015

Come lo stress influisce sulle opportunità

Condividi l'articolo
Come lo stress influisce sulle opportunità

Uno studio promosso dalla direttrice del "Brain Mind Institute" Carmen Sandi, ha indicato che lo stress è una delle cause della perdita di fiducia in se stessi e della capacità di mettersi in gioco. Invece che rappresentare la causa delle disuguaglianze sociali, lo stress costituirebbe uno dei motivi principali affinché queste si verifichino. È stato anche rilevato come lo stesso stress non colpisca indiscriminatamente e nella stessa misura tutte le persone, venendo influenzato dal carattere di ognuna di esse, in particolare dal livello di ansia. 

Per arrivare a tali risultati, lo studio ha esaminato 200 soggetti, raccogliendo i dati relativi al quoziente intellettivo degli stessi e la loro tendenza all'ansia. In merito a quest'ultimo punto, la ricerca ha tenuto conto del tratto caratteriale delle persone e non di situazioni particolari che possono generare l'ansia stessa. Ad ogni modo, le conclusioni non hanno dipinto l'ansia solamente come un fenomeno dai connotati negativi in quanto, in alcune occasioni, può costituire una risposta che permette all'organismo di mettere in atto le migliori risorse per affrontarle. 

Dopo aver fatto compilare un questionario ai soggetti, il laboratorio ha atteso una settimana di tempo prima di richiamarli e di suddividerli in due sezioni separate. Il primo gruppo è stato sottoposto ad una serie di situazioni stressanti, mentre il secondo non ha subito alcuna pressione. Successivamente è stato chiesto a tutti i soggetti di scegliere tra due modalità disponibili per guadagnare: affidarsi ad una lotteria o gareggiare contro un avversario in un test di intelligenza. È risultato che circa il 60% degli appartenenti al gruppo lasciato "tranquillo" ha scelto la seconda opzione, senza che siano state segnalate differenze in base al carattere; i membri dell'altro gruppo, invece, hanno effettuato la scelta facendo dipendere quest'ultima proprio dal carattere. Esaminando i campioni di saliva, inoltre, la ricerca ha dimostrato che i soggetti esaminati presentavano una diversa risposta all'ormone dello stress

La stessa professoressa Sandi ha voluto rilasciare le prime valutazioni sull'esperimento condotto dichiarando che, molte volte, si incorre nell'errore di considerare la fiducia in se stessi come un segno della competenza di una persona. Durante un colloquio di lavoro, ad esempio, questo porta a considerare migliore un individuo che non mostri alcun segno di stress, aumentando le sue possibilità di essere assunto. Proprio la Sandi si occupa della direzione del laboratorio di genetica comportamentale che si trova all'interno del Politecnico di Losanna; tra le attività principali di quest'ultimo rientra lo studio dell'influenza che lo stress riveste sui processi decisionali. La professoressa si dice convinta del fatto che un livello di stress elevato viene rilevato nelle fasce di popolazione più disagiate, rendendo più difficile superare i loro problemi sociali.

News correlate