6 ottobre 2015

E se fosse lui a prendere la pillola anticoncezionale?

Condividi l'articolo
E se fosse lui a prendere la pillola anticoncezionale?

Forse non è lontano il giorno in cui la contraccezione entrerà in una nuova era, quella in cui non solo la donna ma anche l’uomo provvederà a prevenire il rischio di gravidanze indesiderate.

Uno studio pubblicato su Science e condotto su topi di laboratorio ha infatti dimostrato che due farmaci già in commercio sono capaci di agire su una proteina presente nello sperma e fondamentale per garantire la sua capacità di fecondare l’ovulo. 

I medicinali sono la ciclosporina A e tacrolimus, farmaci usati nei trapianti d’organo per ridurre l'attività del sistema immunitario e quindi il rischio di rigetto. Effetti troppo importanti perché possano essere proprio loro i candidati a divenire il principio attivo del “pillolo”. Ma rappresentano comunque un modello a cui ispirarsi perché riescono a conseguire l’obiettivo che per ora è una chimera: sospendere temporaneamente la capacità maschile di fecondare la donna.

Negli esperimenti, i ricercatori giapponesi che hanno condotto lo studio si sono concentrati su una proteina, la calcineurina, sospettata da tempo di svolgere un ruolo nella fertilità maschile.

Così i ricercatori hanno prima usato un metodo drastico: hanno spento due geni ritenuti responsabili della codifica di questa proteina. È venuto fuori che, come conseguenza di questo intervento, lo sperma diventava meno fluido e incapace di fecondare gli ovuli.

Avuta la conferma del ruolo di questa proteina, si sono quindi concentrati sulla ricerca di farmaci che potessero inibirla. La ciclosporina A e tacrolimus sono in grado di farlo, così li hanno somministrati ai topi. 

Dopo quattro o cinque giorni gli animali diventavano sterili, ma al momento della sospensione del trattamento la fertilità veniva restituita.

Risultato dunque raggiunto. Ora parte la ricerca di un nuovo composto che abbia la capacità di inibire la calcineurina e che abbia effetti collaterali trascurabili. 

Impresa non semplice. Ma possibile.

 

fonte: HelthDesk

News correlate