Agoaspirato tiroide

Agoaspirato tiroide

Quando un controllo alla tiroide mette in evidenza delle lesioni che presentano caratteri di sospetto, il medico stabilisce di sottoporre il paziente ad un esame diagnostico sicuro e veloce: l'agoaspirazione tiroidea.

Cos'è
L'agoaspirazione tiroidea è un'indagine mini-invasiva, che permette di verificare la natura benigna o maligna di un nodulo o di una parte di tessuto tiroideo. In genere l'endocrinologo consiglia al paziente di effettuare questo esame dopo che controlli ecografici e scintigrafici abbiano messo in luce dei particolari che meritano un approfondimento. La tecnica dell'agoaspirazione tiroidea è semplice e sicura. Essa si svolge in regime ambulatoriale e, come tutte le altre metodiche di ecografia interventistica, si può considerare efficace e priva di qualsiasi rischio soltanto se viene eseguita da personale qualificato ed esperto. Di norma questo esame è ben tollerato dai pazienti. Il pensiero di dover essere punti nel collo rappresenta per alcuni una preoccupazione, ma in realtà fino ad oggi non sono mai state riscontrate delle gravi complicanze.

Come si esegue
Come già detto, l'agoaspirazione tiroidea viene effettuata in ambulatorio. Al paziente viene chiesto di stendersi sul lettino in posizione supina, con il capo adagiato su un cuscino. L'anestesia in genere non è necessaria per questo tipo di indagine. Al paziente viene disinfettata la parte anteriore del collo. Dopo aver compiuto queste operazioni preliminari si può quindi procedere con l'esame vero e proprio. Il medico, sotto la guida ecografica, introduce un ago molto sottile nel nodulo tiroideo. Subito dopo aver inserito l'ago si passa ad aspirare, mediante una siringa collegata allo stesso ago, una piccola porzione di materiale cellulare. Tolto l'ago, la parte di pelle interessata viene nuovamente disinfettata. Il materiale prelevato viene strisciato su dei vetrini specifici, così che l'anatomopatalogo possa esaminare quanto è stato estratto. L'intera procedura si svolge con rapidità. Essa prevede per ogni nodulo dei prelievi, ciascuno dei quali dura circa un minuto. Il paziente, al quale viene richiesto di rimanere fermo nella posizione di partenza per tutta l'indagine, non avverte dolore.

Risultato
L'agoaspirazione tiroidea non viene eseguita solamente sui noduli di dimensioni significative, ma su tutti i noduli accessibili. Questo esame ha contribuito considerevolmente nella riduzione degli interventi chirurgici di asportazione della ghiandola tiroidea. Si calcola che nel 90% dei casi in cui l'indagine è stata effettuata avvalendosi di una guida ecografica i risultati ottenuti hanno permesso una diagnosi adeguata. Il successo della metodica dipende anche dal numero di campioni prelevati e dall'esperienza dell'operatore.

Altre informazioni
Prima di sottoporsi all'agoaspirazione tiroidea non è necessario che il paziente rimanga a digiuno. E' invece importante informare il medico sull'eventuale assunzione di farmaci, i quali, sempre in accordo con il proprio medico di fiducia, vanno sospesi prima dell'indagine. L'agoaspirazione tiroidea è ormai un esame diffuso ed a basso costo, esente da complicazioni. L'unica rilevata in taluni casi è la formazione di un ematoma nella zona dell'aspirazione, ma è sufficiente l'applicazione di un po' di ghiaccio per prevenire questa problematica