×

Colonproctologia

Descrizione
La Colonproctologia è quella branca della Medicina che si occupa delle patologie a carico del colon-retto e dell’ano, come ad esempio emorroidi interne ed esterne, emorroidi sanguinanti, ragadi anali, incontinenza, presenza di sangue nelle feci, fistole, ascessi o prolassi rettali, rettocele, polipi intestinali, colon irritabile, stipsi o stitichezza, diverticolite o diverticolosi, Morbo di Crohn, coliti.

Un po' di storia
La Proctologia, come branca della chirurgia generale che si occupa della diagnosi e del trattamento delle patologie anorettali, è una delle più antiche specializzazione documentate nella storia, in quanto,  risalgono ai tempi dell’Antico Egitto i primi documenti che si riferiscono in modo specifico a malattie anorettali e, in essi, si trovano notizie relative alla diagnosi e alla terapia di patologie proctologiche.
A ritroso nella storia, in era pre-ippocratica, testimonianze di tecniche colonproctologiche arrivano anche dal padre della chirurgia indiana, Sushuruta, il quale ci ha lasciato un testo che tratta le più comuni malattie anorettali, con particolare attenzione a emorroidi e fistole.
Anche i cinesi, già nel V° secolo a.C., parlavano di emorroidi nei testi della loro religione (Taoismo) e utilizzavano l’agopuntura per la loro cura.
Con Ippocrate, e con l’evoluzione medica che egli ha introdotto, anche la Proctologia esce dal campo “religioso” ed entra in quello della Scienza, grazie ai principi terapeutici da lui introdotti, alcuni tuttora validi.
Anche nell’Antica Roma, era praticata la Proctologia, e lo testimoniano i ritrovamenti tra le rovine di Pompei di molti strumenti chirurgici.
Un importante contributo all’evoluzione della Proctologia arriva nel XIV secolo è stato dato da John  Arderne (1307-1380), un medico militare che, durante la guerra dei cent’anni, sperimentò vari interventi e documentò con illustrazioni le patologie e le tecniche chirurgiche di sua conoscenza, contribuendo alla moderna descrizione del cancro del retto e della procedura diagnostica tramite esplorazione digitale.  

Formazione professionale
Il colonproctologo o proctologo è uno specialista laureato in Medicina e Chirurgia specializzato in Proctologia, la branca della medicina che si occupa dello studio delle patologie a carico del colon-retto e dell’ano, che ha l’obbligo di iscriversi all’ordine dei medici (FNOMCEO) per poter esercitare regolarmente la professione.
Le competenze del proctologo riguardano tutti gli organi collegati all’apparato colon-rettale, infatti l’etimologia della parola proctologo deriva dal greco “procto” ( ossia ano) e  “logo” ( ossia discorso).
Per quanto riguarda la formazione accademica, al momento in Italia non esiste una particolare scuola di specializzazione in Colonproctologia ma esistono dei Master e corsi intensivi universitari, a cui si accede con una Laurea in Medicina e Chirurgia.

Associazioni di settore
Importanti Associazioni di settore sono la Società Italiana Unitaria Colonproctologia (S.I.U.C.P.), la Società Italiana di Chirurgia Colorettale (S.I.C.C.R).

Disturbi e patologie generalmente trattate dai colonproctologi
Prestazioni generalmente offerte dai colonproctologi