×

Endocrinologia

Endocrinologia

Descrizione
L'endocrinologia è una branca della medicina che si occupa di tutte quelle situazioni fisiologiche e patologiche legate alla funzionalità degli ormoni e delle ghiandole che li secernono, quali la tiroide, il pancreas, l’ipofisi e l’ipotalamo, le gonadi, le paratiroidi, e le ghiandole surrenali.

 

Un po' di storia
Il termine "endocrinologia” deriva dal greco endo che significa "interno" , krínein che vuol dire "secernere" e logos, cioè “discorso”. Infatti rientrano nelle competenze di questa disciplina solamente le ghiandole endocrine e le loro secrezioni, che vengono immesse nel torrente circolatorio, mentre sono considerate esocrine quelle che si riversano in un dotto (come la saliva, o i succhi gastrici). Gli ormoni costituiscono un efficiente sistema di comunicazione a distanza tra le varie strutture del corpo e consentono la regolazione e l'armonizzazione delle funzioni svolte dai vari apparati. Ogni ormone può avere molte funzioni diverse su un grande numero di organi bersaglio e, viceversa, il comportamento di un organo può essere influenzato da diversi ormoni.

Lo studio dell’endocrinologia ebbe origine in Cina, dove venivano isolati gli ormoni sessuali e ipofisari dall’urina umana e utilizzati a scopo terapeutico. Molti secoli dopo, il Persiano Avicenna fornì una descrizione molto dettagliata del diabete mellito, scrivendo a proposito dell’anormale appetito e delle disfunzioni sessuali e documentò inoltre il sapore dolciastro delle urine tipiche del diabetico. Distinse inoltre il diabete primario e secondario, anche se fu solamente con Johann Peter Frank che si chiarì la differenza tra diabete mellito e diabete insipido. La scoperta dell’insulina, invece, il principale ormone coinvolto in questa patologia, si deve a Frederick Sanger, che la sequenziò nel 1953. Verso i primi del Novecento vennero scoperti gli ormoni del sistema nervoso enterico, grazie ai lavori William Bayliss e Ernest Starling, i quali coniarono la parola “ormone”, dall'inglese hormone, a sua volta derivante dal greco antico hormo, cioè "che mette in movimento", con l’allusione al fatto che gli ormoni possono stimolare l’attività dei vari organi. I neurormoni, sostanze secrete da particolari cellule nel cervello, vennero invece identificati da Otto Loewi nel 1921. I lavori scientifici più recenti si sono focalizzati invece sui meccanismi molecolari responsabili dell’attività degli ormoni sulle cellule.

 

Formazione professionale
L’endocrinologo è il medico chirurgo che ha conseguito la Specializzazione in Endocrinologia, e si occupa della prevenzione, diagnosi e cura delle patologie a carico delle ghiandole endocrine e, in genere, delle disfunzioni ormonali. Sono di sua competenza le malattie metaboliche, la menopausa e i suoi squilibri ormonali, l’overproduzione o sottoproduzione di ormoni, i deficit di vitamina D connessi all’osteoporosi, l’infertilità, la pubertà precoce, i deficit di crescita o eccessi di crescita, i tumori delle ghiandole endocrine, le disfunzioni tiroidee e il diabete. È evidente che si tratti di una branca fortemente interdisciplinare, e per questo motivo sempre più medici scelgono di dedicare il loro studio ad un ambito specifico.

 

Associazioni di settore
Associazioni che raccolgono specialisti del settore sono la Società Italiana di Endocrinologia (SIE),  la European Society of Endocrinology (ESE), e la International Society of Endocrinology (ISE).