Consulenza per sonoisterografia

Consulenza per sonoisterografia

Talvolta le alterazioni mestruali, le perdite ematiche in menopausa, i casi di infertilità nella donna o i ripetuti aborti possono rappresentare un campanello d'allarme di patologie della cavità uterina che meritano di essere esaminate in modo approfondito. Tra gli strumenti diagnostici in grado di confermare o escludere la presenza di malformazioni o di incontinenza della cervice uterina, la sonoisterografia è un valido strumento di indagine che evita il ricorso ad altre metodologie più invasive.

Cos'è

La sonoisterografia, nota anche come isterosonografia, consiste in un'ecografia ginecologica transvaginale che si avvale di una sonda bi e tridimensionale e di un mezzo di contrasto. È una procedura diagnostica che si rivela molto utile in diverse circostanze: quando l'endometrio non è ben visibile tramite una semplice ecografia a causa della presenza di molti fibromi; quando la donna è interessata da perdite ematiche, soprattutto nel periodo della menopausa; quando la mucosa uterina appare ispessita in corso di terapia ormonale sostitutiva; nel caso di sospetta malformazione a carico dell'utero o di neoformazioni come miomi e polipi uterini; per la valutazione delle lesioni endocavitarie nel pre e post-operatorio. 

Come si esegue

La sonoisterografia è un esame indolore di facile esecuzione che non richiede particolare preparazione fisica, nè il riempimento della vescica. Se la paziente è in età fertile, l'esame viene condotto in assenza di flusso ematico, preferibilmente nei giorni successivi alla fine del ciclo mestruale. Dopo la firma del consenso informato la paziente viene fatta sdraiare sul lettino ginecologico per l'ecografia transvaginale. Successivamente il medico inserisce in vagina uno speculum monouso per visualizzare la cervice uterina e inserire un catetere sterile dello spessore di un millimetro. Attraverso il catetere, correttamente inserito sotto guida ecografica, viene iniettato il liquido di contrasto, una soluzione fisiologica, per distendere le pareti dell'utero e agevolarne l'ispezione. Al termine dell'esame, il referto stampato e corredato di immagini è immediatamente disponibile. L'esame di sonoisterografia ha una durata complessiva di 15-20 minuti

Risultato

Sebbene l'ecografia ginecologica transvaginale sia considerata un valido strumento di indagine nell'individuare le patologie a carico della struttura endometriale uterina, talvolta non fornisce al medico sufficienti informazioni di diagnosi. La sonoisterografia è caratterizzata da una maggiore sensibilità nella diagnosi differenziale, poiché permette non soltanto di distinguere tra polipi, miomi o altre patologie, ma consente anche di valutare per ogni lesione presente nella cavità uterina la struttura, la forma, le dimensioni e la vascolarizzazione. Per la sua maggiore sensibilità rispetto all'ecografia transvaginale, la sonoisterografia, come strumento diagnostico, svolge un ruolo di primaria importanza anche nella fase pre-operatoria.
La sonoisterografia è un esame ben tollerato dalle pazienti; in rari casi può produrre effetti collaterali di lieve entità e risolvibili in tempi brevi, che possono manifestarsi sotto forma di dolore pelvico o sanguinamento. 

Altre informazioni

La sonoisterografia è un esame ambulatoriale praticato nelle strutture sanitarie pubbliche, in quelle private e in regime di convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale. Nelle strutture pubbliche e in quelle private convenzionate, la prestazione del servizio viene erogata a fronte della richiesta dello specialista e del pagamento del ticket sanitario.