×
Nefrologia

Nefrologia

Descrizione
La nefrologia (dal greco nephros, cioè "rene", combinato col suffisso -logia, ovvero “studio di”) è una specialità medica che si occupa del rene e del suo studio clinico, morfologico e fisiopatologico. Sono di pertinenza di quest’area le patologie tipicamente renali, quali glomerulonefriti e insufficienze renali, ma anche le malattie sistemiche che influenzano secondariamente la funzionalità del rene, quali l’ipertensione, l’osteodistrofia renale, e malattie ad eziopatogenesi autoimmunitaria come il lupus eritematoso sistemico (LES). Infine si occupa delle metodiche di ripristino della funzione renale, come la dialisi e il trapianto di rene.

 

Un po' di storia
La nefrologia clinica è una specialità medica tra le più giovani, nata circa 35 anni fa soprattutto dopo l’invenzione dei macchinari di dialisi e in seguito alla prima sostituzione artificiale dell’organo. Attualmente è una branca altamente interdisciplinare, che interagisce con altre aree mediche quali la cardiologia, l’urologia, l’ematologia, la reumatologia e così via.  

Al giorno d’oggi le conoscenze in materia sono molto ampie e gli esami diagnostici disponibili permettono di prevenire e individuare le patologie del rene. Quelli più comuni comprendono la determinazione dell’azotemia, della creatininemia, e della concentrazione sierica degli elettroliti: in particolare, i primi due sono indici fondamentali per determinare una ridotta funzionalità renale. L’esame fisico-chimico delle urine, eseguibile anche su raccolta nelle 24 ore, consente la rilevazione di numerosi parametri di funzione renale e di equilibrio elettrolitico, tra i quali gli elettroliti urinari, la concentrazione di aldosterone nelle urine (utile per la diagnosi di alcune forme di ipertensione arteriosa), la determinazione della microalbuminuria e della proteinuria, indici di danno renale. Gli esami di imaging includono l’ecografia e la tomografia computerizzata, nonché la risonanza magnetica per lo studio delle patologie a carico delle arterie renali. Un esame fondamentale è rappresentato dallo studio della biopsia renale (nefrobiopsia), utilizzata per diagnosticare forme specifiche di malattie glomerulari e per valutare l’eventuale progressione del danno funzionale, come accade nel lupus eritematoso sistemico.

 

Formazione professionale
Il nefrologo è il medico specialista che ha proseguito gli studi dopo la laurea in medicina e chirurgia, conseguendo il diploma di Specializzazione in Nefrologia. Si occupa di individuare le disfunzioni e le anomalie degli elementi della sua area di competenza, valutando la terapia farmacologica o chirurgica opportuna per trattarle. È inoltre deputato alla scelta, se necessario, del tipo di dialisi da impiegare e se ricorrere, quale soluzione ultima, al trapianto di un rene, provvedendo, di regola, egli stesso all’esecuzione di tale intervento. Può specializzarsi ulteriormente nei campi della dialisi, del trapianto di rene, della patologia cronica renale, nelle procedure nefrologiche e in altre aree non strettamente di competenza nefrologica.

 

Associazioni di settore
Due importanti associazioni internazionali di nefrologia sono la American Society of Nephrology (ASN), e la European Renal Association - European Dialysis and Transplant Association (ERA-EDTA).

 

Disturbi e patologie generalmente trattate dai nefrologi