Consulenza per iridotomia laser

Consulenza per iridotomia laser

Cos'è
L’iridotomia laser è un intervento chirurgico abbastanza diffuso in ambito oculistico. Questo intervento ha lo scopo di evitare un innalzamento rapido ed incontrollato della cosiddetta "pressione intraoculare" (IOP) che fa riferimento alla forza esercitata dall’umor acqueo, presente all’interno dell’occhio, sull’iride.
L’umor acqueo è un liquido che viene prodotto in modo naturale nella camera anteriore dell’occhio e che serve ad eliminare le tossine ed altri elementi di scarto dal suo interno. Il suo naturale funzionamento prevede che fuoriesca continuamente dall’occhio attraverso l’angolo di drenaggio. Quando questo angolo viene ostruito, principalmente a causa di un glaucoma, il paziente corre il serio rischio di sviluppare un attacco di glaucoma acuto. Questa patologia può essere molto grave ed invalidante, portando in alcuni casi anche alla cecità in tempo breve.
Essendo questa patologia priva di particolari sintomi premonitori, è importante che i pazienti, qual ora presentino alcuni fattori di rischio come una età avanzata, l’ereditarietà ed esperienze passate di problemi alla vista, procedano ad un intervento "preventivo" di iridotomia laser.

Come si esegue
L’iridotomia laser è un intervento chirurgico piuttosto semplice e rapido. Generalmente infatti la sua durata non supera i quindici o i venti minuti ed il paziente è in grado di riprendersi dall’operazione dopo brevissimo tempo.
Con questo intervento viene asportata una parte dell’iride, normalmente coperta dalla palpebra. In questo modo è possibile praticare un piccolo foro, invisibile dall’esterno, così da permettere una costante fuoriuscita dell’umor acqueo dalla parte interna dell’occhio. Questo nuovo canale di uscita va ad affiancarsi a quello naturale (l’angolo irido-corneale) così da evitare che una occlusione di quest’ultimo, causata da un glaucoma ad angolo chiuso o da un glaucoma acuto, possa portare all’aumento della pressione intraoculare.
Grazie a questo intervento, la pressione intraoculare può essere mantenuta costante su valori di circa 14 - 21 mm/Hg, così da assicurare il perfetto funzionamento dell’occhio.
L’iridotomia laser viene normalmente eseguita ambulatorialmente o in day-hospital e molti studi oculistici sono dotati delle apparecchiature necessarie alla sua esecuzione. La grande attenzione a questo intervento è dovuta alla necessità di agire rapidamente in caso di glaucoma acuto, così da evitare gravi e permanenti danni alla vista.
Nell’occhio che deve essere operato, vengono applicate alcune gocce di collirio con lo scopo di anestetizzarlo e di facilitare l’inserimento di una speciale lente che permette al laser di essere guidato correttamente dall’operatore durante l’intervento.
Al termine dell’operazione, il paziente potrebbe soffrire per qualche ora di alcuni piccoli problemi visivi (potrebbe ad esempio soffrire di una visione non completamente a fuoco degli oggetti). Questi problemi scompaiono però in breve tempo ed il paziente può riprendere le sue attività in modo assolutamente normale.

Risultato
L’iridotomia laser è poco invasiva e generalmente non produce effetti collaterali nel paziente. Il risultato ottenuto permette di prevenire efficacemente i gravi danni che un attacco di glaucoma acuto potrebbe causare all’occhio.
Questo intervento, se eseguito subito dopo il manifestarsi del glaucoma, può anche riportare la pressione intra-oculare a livelli normali, fungendo da vera e propria cura.

Altre informazioni
L’iridotomia laser è fortemente consigliata a tutte le persone che hanno già subito dei danni permanenti ad un occhio a causa di un glaucoma. La prevenzione può infatti salvaguardare il corretto funzionamento dell’occhio sano, preservando in questo modo la vista.