Vasculopatia oculare

Vasculopatia oculare

 

Cosa sono i trattamenti per le vasculopatie oculari
I trattamenti per le vasculopatie oculari sono interventi di vario tipo volti a recuperare o bloccare i danni procurati dalle patologie che colpiscono i vasi sanguigni dell'occhio. Tra le patologie che più comunemente insorgono a livello oculare ci sono il glaucoma, la retinopatia diabetica, la degenerazione maculare e le occlusione arteriose o venose. Ognuna di queste malattie richiede un particolare tipo di trattamento specifico. Il glaucoma è caratterizzato da una pressione intraoculare elevata che riduce il campo visivo, ed è possibile agire con terapia medica, con un intervento di trabeculoplastica laser o il trattamento chirurgico. In caso invece di retinopatia diabetica è possibile applicare la terapia laser argon, la vitreoctomia o la fotocoagulazione. La degenerazione maculare è invece una malattia che insorge con l'avanzare dell'età e che colpisce la macula posta al centro della retina. In seguito a tale patologia il paziente lamenta una difficoltà nella visione centrale mentre riesce a vedere bene i contorni, l' incidenza diventa più elevata a causa di particolari comportamenti come ad esempio il fumo o l'esposizione prolungata ai raggi UV. I trattamenti per questa forma di vasculopatia oculare sono: terapia farmacologica e fotocoagulazione.

Come si eseguono i trattamenti per le vasculopatie oculari
Glaucoma: in caso di glaucoma, quando è possibile, si interviene con la terapia farmacologica che ha lo scopo di riportare la pressione intraoculare a livelli accettabili. Si agisce con farmaci beta-bloccanti, colliri miotici e farmaci inibitori dell'anidrasi carbonica. Nel caso in cui tale terapia non abbia l'effetto desiderato, si agisce con la terapia parachirurgica ovvero con la trabeculoplastica laser che la lo scopo di favorire il drenaggio dell' umor acqueo attraverso un allargamento del canale di drenaggio. Il tipo di laser utilizzato dipende dalla gravità della patologia. Si tratta di una procedura indolore e mini invasiva effettuata in regime ambulatoriale. Infine, si può intervenire con un vero e proprio intervento chirurgico teso a ricostruire il canale di drenaggio. Il trattamento laser all'argon è utilizzato nel caso di retinopatia di origine diabetica. Anche in questo caso il trattamento viene eseguito in regime ambulatoriale con un'anestesia di tipo topico. Durante l'intervento viene dilatata la pupilla, eliminato il tessuto patologico e bloccato lo stimolo angiogenetico. Sempre per la retinopatia diabetica, è possibile intervenire con l'asportazione chirurgica dell'umor vitreo anche chiamata vitreoctomia. Per quanto riguarda invece la degenerazione maculare essa si divide in due forme: la prevalente e meno grave ovvero secca che non può oggi essere trattata in alcun modo, e la degenerazione maculare umida che rappresenta il 10- 15% dei casi e può essere trattata con farmaci antiangiogenici e in casi più gravi con una fotocoagulazione che evita il distendersi della patologia distruggendo attraverso il laser i vasi anormali presenti sulla retina. La fotocoagulazione può essere usata anche nel caso di occlusioni arteriose o venose.

Risultati dei trattamenti per le vasculopatie oculari
L'obiettivo principale di tutti questi trattamenti è intervenire soprattutto in via preventiva, andando così a conservare la funzione visiva oppure recuperarla eliminando laddove possibile la causa che l'ha generata. Non sempre è possibile un recupero pieno. In tutti i casi, dopo pochi giorni è possibile riprendere la normale vita quotidiana.

Altre informazioni
Pur essendo interventi eseguiti in ambulatorio, essi possono essere eseguiti in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. E' molto importante una diagnosi precoce, possibile solo con controlli periodici dall'oculista che deve eseguire il test del campo visivo e del fundus. Ciò è fondamentale perché la maggior parte delle vasculopatie oculari sono subdole e non hanno sintomi.