Intervento alle tonsille

Intervento alle tonsille

Cos'è
Le tonsille sono due ghiandole poste sulla parte posteriore del palato, ai due lati, la loro funzione è di tipo immunitario e quindi proteggono dalle infezioni. 
L'intervento chirurgico delle tonsille consiste nell'asportazione delle stesse da effettuarsi nel caso in cui il paziente manifesti:
- tonsilliti frequenti;
- tonsilliti croniche anche se di lieve entità;
- tonsillite acuta degenerata accompagnata da ascesso. 
Tutte queste manifestazioni sono accompagnate, oltre che dal dolore e dalla difficoltà nella deglutizione, anche da febbre alta e quindi sono altamente debilitanti. 
In alcuni casi questo intervento viene eseguito in contemporanea con l'asportazione delle adenoidi.

Come si esegue
La tonsillectomia di solito viene eseguita sui bambini, ma non sono rari i casi in cui sia necessario intervenire anche sugli adulti ed è eseguita in anestesia generale, dura circa venti minuti.
L'intervento chirurgico delle tonsille nella maggior parte dei casi viene eseguito con il bisturi classico perché ancora oggi ritenuto il metodo più sicuro. Questa tecnica è anche chiamata dissezione a freddo e prevede che il naturale sanguinamento successivo al taglio, sia bloccato con garze imbevute di sostanze antiemorragiche oppure con la legatura dei vasi sanguigni.
La seconda tecnica, invece, è la dissezione a caldo, in questo caso si può utilizzare la elettrocoagulazione, il laser, la radiofrequenza o gli ultrasuoni. Applicando tale tecnica non occorre tamponare il sangue perché nello stesso momento del taglio, si cauterizzano le ferite e quindi non vi è emorragia. 
Possibile anche la tecnica mista con taglio attraverso il bisturi manuale e cauterizzazione con diatermocoagulazione. 
In alcuni casi l'asportazione delle tonsille non è totale, infatti, quando possibile, alcuni otorini per non eliminare questo importante presidio del sistema immunitario, preferiscono preservare una parte delle ghiandole.
Dopo la tonsillectomia il paziente viene portato nella sala post operatoria e risvegliato. Vengono somministrati farmaci per alleviare il dolore e ridurre il gonfiore. Nella maggior parte dei casi viene dimesso appena dopo i controlli di routine o dopo una notte di degenza.

Risultato
In seguito all'intervento il paziente può avvertire dolori soprattutto nella deglutizione, nei primi giorni è del tutto normale avere la febbre che non dovrebbe superare i 38,5 C°, questi sintomi devono essere trattati in base alla indicazione del medico. I postumi dell'intervento vengono superati dopo 10-15 giorni, ma solo i primi 3-5 giorni sono più spiacevoli a causa anche della difficoltà nella assunzione di cibo. E' molto importante in questa fase cercare di mantenere i livelli di idratazione assumendo molti liquidi ed è preferibile assumere un'alimentazione piuttosto liquida e soffice.

Altre informazioni
Molti, erroneamente, ritengono dopo questo intervento non si verificheranno più raffreddori o altri sintomi influenzali, in realtà non è così, perché si evitano solo le infezioni alle tonsille con i suoi effetti, ovvero mal di gola, rigonfiamento delle tonsille, febbri alte e frequenti legate però sempre all'infezione alle tonsille.
Nonostante l'asportazione delle tonsille, il paziente avrà una vita normalissima perché il nostro sistema immunitario non è basato solo su tali ghiandole.