Ecografia pediatrica

Ecografia pediatrica

L'ecografia è uno dei metodi diagnostici più comodi, affidabili e meno invasivi in assoluto. Ecco perché si rivela utile soprattutto in campo pediatrico, come indagine di radiologia nello studio delle malattie pediatriche.

Cos'è
L'ecografia pediatrica è una modalità diagnostica di radiologia molto efficace e comoda. La sua esecuzione risulta accessibile e rapida, ed essendo priva di qualsiasi tipo di radiazione, risulta quindi essere uno strumento fortemente consigliato nell'ambito della valutazione delle patologie pediatriche. Soprattutto, l'ecografia pediatrica si rivela utile nel caso in cui si presenti la necessità di studiare la zona addominale, gli organi interni e le ghiandole endocrine. Inoltre, presentando i bambini un ridotto spessore cutaneo e una minore quantità di aria interna rispetto agli adulti, l'ecografia pediatrica si dimostra in tal senso ancora più efficace. 

Come si esegue
Il metodo di esecuzione dell'ecografia pediatrica è assolutamente non invasivo, ecco perché i bambini, superati magari i primi momenti di soggezione, si lasciano visitare senza problemi, e risultano consenzienti nel sottoporsi all'esame. 
Gli organi interni del paziente vengono così visualizzati attraverso gli ultrasuoni. 

Risultato
In particola modo per lo studio dei parenchimi epatici e renali, l'ecografia pediatrica si rivela un esame affidabile e di sicura riuscita. In generale, risulta l'esame principale per lo studio di tutte le patologie addominali del bambino. L'ecografia pediatrica, inoltre, viene anche eseguita a carico della tiroide, ma in tal caso è integrata alle analisi di laboratorio. E' inoltre importante per lo studio del sistema muscolo scheletrico, per le parti molli e per l'analisi dei linfonodi. In questi casi, spesso, si rivela essere l'unico esame necessario ai fini di una corretta diagnosi. 
Normalmente l'esame viene eseguito a digiuno nel caso dell'analisi del fegato, milza, pancreas, e dopo aver riempito la vescica nel caso delle vie urinarie. 
Per il resto, non ci sono altre prescrizioni, altro elemento questo a favore della facilità diagnostica dell'ecografia pediatrica. 

Altre informazioni
L'ecografia pediatrica è uno strumento fondamentale nella diagnosi e valutazione della displasia dell'anca. In questo senso, l'avanzamento della radiologia è stato un passo fondamentale per la riduzione di tale patologia, tant'è che ad oggi la diagnosi precoce risulta impagabile in termine di interventi risolutivi. E' consigliabile effettuare un'ecografia pediatrica entro il terzo mese di vita del bambino, ancora meglio all'entrata nel secondo mese, così da limitare ogni tipo di danno importante a carico dell'apparato scheletrico del bambino. Dopo il terzo mese, infatti, il rischio di ricorrere a intervento chirurgico e gesso è molto più alto.