Reumatologia

Reumatologia

Descrizione
La reumatologia è la branca della medicina interna che ha per oggetto lo studio e la cura delle malattie reumatiche, cioè un gruppo di affezioni acute, subacute e croniche, a carico dell’apparato locomotore e in generale di tutti i tessuti connettivi dell’organismo, in passato complessivamente indicate con il termine generico di reumatismi. La febbre reumatica, l’artrite reumatoide e l’artrosi ne sono degli esempi.

 

Un po' di storia
Il termine reumatismo non è immediatamente comprensibile perché non associabile ad un organo o apparato specifico: la parola trae la sua origine dal greco rhèuma che significa “fiume”, alludendo all’ipotetico meccanismo di malattia legato allo scorrimento di "umori" patologici in grado di instaurare un processo morboso, come teorizzato inizialmente da Ippocrate, che fu il primo ad occuparsene. Secondo la sua opinione, i reumatismi sarebbero provocati dai cattivi umori, il cui accumulo nelle articolazioni sarebbe causa di infiammazione come nel caso della gotta, da sempre considerata il classico esempio di malattia reumatica. Queste patologie interessano in particolare le articolazioni e le strutture anatomiche ad esse correlate: ossa, muscoli, tendini e guaine tendinee (tenosinoviali), legamenti, inserzioni tendinee o legamentose (entesi), borse e fasce. Il sintomo più evidente è rappresentato dal dolore a carico di una o più di queste strutture. Le malattie reumatiche possono interessare inoltre gli organi interni (ad esempio cuore, cervello e polmoni), i vasi ed i nervi.

Le malattie reumatiche si classificano in vari gruppi, e ne esistono centinaia di tipologie:

  • I reumatismi cronici primari che si suddividono in "raggruppamento reumatoide", che colpisce selettivamente le articolazioni degli arti, e "raggruppamento spondiloartritico" che interessa generalmente la colonna vertebrale.
  • Le connettiviti sistemiche o malattie diffuse del collageno o collagenosi. 
  • I reumatismi dismetabolici, che dipendono da turbe metaboliche che condizionano la precipitazione o deposizione di materiale microcristallino nelle articolazioni.
  • I reumatismi degenerativi che comprendono tutte le forme di artrosi (o osteoartrosi). 
  • I reumatismi extra-articolari o delle parti molli.
  • Le malattie metaboliche delle ossa, come l'osteoporosi e l'osteomalacia.

 

Percorso di formazione
Il reumatologo è il medico specialista esperto nella diagnosi e nella cura di queste affezioni. L’iter formativo prevede dapprima la laurea in Medicina e Chirurgia e successivamente la frequenza della Scuola di Specializzazione in Reumatologia. Anche se la reumatologia è considerata una parte della più vasta disciplina della medicina interna, assieme agli altri rami rappresentati dalla cardiologia, dalla gastroenterologia, dall'ematologia e così via, essa in realtà anche nel nome si differenzia dalle altre branche, perché non fa riferimento ad un particolare organo o apparato, bensì ad processo patologico che può riguardare vari distretti corporei, senza limitarsi a considerare un’area specifica dell’organismo.

 

Associazioni di settore
La principale associazione italiana che raccoglie specialisti del settore è la Società Italiana di Reumatologia (SIR).

Prestazioni generalmente offerte dai reumatologi
Disturbi e patologie generalmente trattate dai reumatologi