Disturbi respiratori

Disturbi respiratori

Cos'è
Il trattamento dei disturbi respiratori è composto da una serie di esami clinici e di cure il cui scopo è l’individuazione delle cause dei disturbi, la loro guarigione o la diminuzione dei sintomi ad essi collegati.
I disturbi di carattere respiratorio includono un ampio insieme di patologie. Tra le principali possono essere ricordate i problemi di tosse cronica, un’espettorazione persistente di catarro o di muco, fatica a respirare (sia quando si esegue uno sforzo, sia a riposo), dolore continuo al torace, presenza di sangue nel catarro e le apnee notturne. Tutti questi disturbi possono incidere pesantemente sulla qualità della vita del paziente, impedendogli di condurre attività anche molto semplici come fare una passeggiata, salire le scale o dormire.
I disturbi legati all’apparato respiratorio sono causati in larga parte da malattie come la bronchite cronica, l’asma bronchiale, un’insufficienza respiratoria, malattie polmonari o patologie più gravi. Queste possono poi essere "complicate" ed amplificate da abitudini di vita non corrette come il fumo o la sedentarietà.

Come si esegue
Il trattamento dei disturbi respiratori consiste in prima battuta nell’esecuzione di una serie di test e di esami clinici mirati ad individuare la causa dei sintomi manifestati dal paziente. Gli esami maggiormente utilizzati per diagnosticare le patologie sono le cosiddette prove di funzionalità respiratoria tra cui la spirometria. In questo esame, al paziente viene chiesto di soffiare in un apparecchio in grado di stabilire i vari volumi polmonari e definire così la presenza di insufficienze polmonari. Altri esami clinici sono i test allergologici cutanei, i test eseguiti sotto sforzo con la valutazione del consumo di ossigeno, la toracoscopia, le biopsie polmonari e toraciche e l’emogasanalisi arteriosa.
Una volta determinata la patologia che interessa il paziente, e dopo che ne sia stata stabilita la sua gravità, è possibile individuare e programmare dei trattamenti idonei per agire sugli stati acuti, per diminuirne i sintomi, ed infine per curarla.
I trattamenti per questo tipo di disturbi sono molto vari e comprendono l’utilizzo di ossigeno o di particolari ventilatori polmonari, l’assunzione di farmaci (antibiotici, mucolitici, antinfiammatori, bronco-dilatatori, ecc.) e l’esecuzione da parte del paziente di specifici esercizi aerobici. L’attività fisica rappresenta un momento molto importante nella cura di molti disturbi respiratori perché la corretta funzionalità polmonare e bronchiale dipende fortemente dallo stile di vita del paziente.
In caso di apnee notturne, quando cioè i disturbi respiratori limitano la capacità di entrare nelle fasi di sonno profondo (REM), causando poi problemi di sonnolenza e stanchezza durante il giorno, il trattamento prevede generalmente l’utilizzo di particolari apparecchi medici. Questi sono in grado di eseguire durante la notte una ventilazione assistita non invasiva (denominata "a pressione positiva"). In alcuni casi è poi necessario che il paziente perda peso, modifichi le sue abitudini (smetta ad esempio di fumare), assuma ossigeno o sia sottoposto ad interventi chirurgici in grado di eliminare le cause delle apnee.

Risultato
Il trattamento dei disturbi respiratori, se seguito con costanza, può portare a grandi benefici per il paziente. L’esecuzione di tutti gli esami e di tutti gli approfondimenti clinici suggeriti dal medico specialista è fondamentale per l’individuazione delle cause delle varie problematiche. Solo grazie ad una diagnosi certa è infatti possibile predisporre un trattamento adeguato.
La modifica di abitudini di vita errate è poi molto importante per far sì che l’apparato respiratorio possa funzionare correttamente e sia in grado di supportare tutti i processi metabolici dell’organismo.

Altre informazioni
Il tabagismo viene ormai considerata una vera e propria malattia respiratoria che può causare gravi problemi secondari a tutto l’apparato respiratorio. La diminuzione o l’eliminazione del consumo di sigarette è quindi un primo trattamento dei disturbi respiratori che il paziente può mettere in atto anche autonomamente.