Incontinenza

Incontinenza

Cos'è
L'incontinenza urinaria è un disturbo imbarazzante e piuttosto frequente, in particolar modo nel sesso femminile. Anche a livello psicologico genera un consistente stato di insicurezza che porta chi ne soffre a limitarsi in molte attività e ad accusare un significativo peggioramento della qualità della vita. Un adeguato trattamento dell'incontinenza urinaria può però dare eccellenti risultati. Il trattamento dell'incontinenza urinaria segue differenti metodologie a seconda dei singoli casi. Il trattamento dell'incontinenza urinaria può essere di tipo farmacologico e utilizzare farmaci in grado di ridurre la contrattilità vescicale oppure, in caso di trattamento per l'incontinenza urinaria femminile, possono essere prescritti estrogeni da usare localmente e che mirano a potenziare la tonicità della muscolatura liscia della cervice e dell'uretra. Altri farmaci, infine, riducono la produzione di urina. Nei casi di maggiore gravità il trattamento dell'incontinenza urinaria è di tipo chirurgico.

Come si esegue
Le metodologie chirurgiche per il trattamento dell'incontinenza urinaria sono diverse. La più utilizzata, comunque, è la colposospensione di Burch, particolarmente utile nell'incontinenza da sforzo. Si tratta di un intervento piuttosto semplice, solitamente eseguito in laparoscopia e, di conseguenza, poco invasivo. Dopo aver sottoposto il paziente ad anestesia generale, il chirurgo, per supportare e stabilizzare l'uretra, procede a posizionarla nei pressi dell'apertura vaginale. In caso di trattamento dell'incontinenza urinaria maschile dovuta a un aumento della ghiandola prostatica, il problema viene spesso risolto chirurgicamente con l'asportazione della prostata. Un'altra tecnica più recente posiziona un nastro, detto sling, realizzato in materiale specifico che, solo in caso di necessità durante sforzi intensi, comprime l'uretra impedendo le perdite di urina. La medesima metodologia è prevista anche per il trattamento dell'incontinenza urinaria maschile. In questo caso gli sling, molto efficaci per contrastare l'incontinenza urinaria successiva a chirurgia della prostata, supportano il perineo migliorando la chiusura uretrale.

Risultati
Gli sling utilizzati per il trattamento dell'incontinenza urinaria sia femminile sia maschile danno eccellenti risultati e riescono a restituire ai pazienti una buona qualità di vita, garantendo un successo totale nel 70% dei casi e significativi miglioramenti nel 20%. Anche le terapie farmacologiche danno buoni risultati e la maggior parte dei pazienti sembra rispondere bene alle cure e riacquistare un buon gradi di autonomia e di sicurezza.

Altre informazioni
Il trattamento dell'incontinenza urinaria può essere anche di tipo riabilitativo e si avvale di diverse metodiche. La stimolazione elettrica, per esempio, migliora la chiusura dell'uretra e inibisce il muscolo destrusore. Il trattamento dell'incontinenza urinaria tramite biofeedback, invece, mira a ristabilire il meccanismo responsabile dell'incontinenza e insegna ai pazienti un corretto utilizzo della muscolatura pelvica. La ginnastica minzionale, infine, può essere utilizzata anche a scopo preventivo e, attraverso appositi esercizi, porta a un maggior controllo della minzione. Anche ausili come guaine o dispositivi vaginali riescono a ridurre in modo significativo il disturbo. Dal momento che spesso l'ansia causata dall'incontinenza tende ad accentuarla, è stata dimostrata l'utilità di affiancare alle cure anche un sostegno psicologico.