Rimozione macchie cutanee

Rimozione macchie cutanee

Può capitare, per cause di natura genetica o ambientale, di assistere alla comparsa di macchie cutanee. Riconoscibili per via del loro colorito più scuro rispetto al resto del manto cutaneo, queste macchie sono considerate veri inestetismi, soprattutto quando si localizzano in parti del corpo evidenti. E' per questo che molti decidono di eliminarle attraverso un trattamento di rimozione delle macchie cutanee.

Cos'è
Il trattamento di rimozione delle macchie cutanee prevede diverse soluzioni, che variano essenzialmente in base alla diagnosi. Tra le cure possibili vi sono: la terapia topica, che consiste nell'applicazione di creme a base di sostanze depigmentanti; il peeling chimico, che agisce mediante sostanze chimiche che schiariscono progressivamente le lesioni; la crioterapia, che attraverso l'uso di azoto liquido interviene sulle macchie. A questi appena elencati si aggiunge un altro valido trattamento di rimozione delle macchie cutanee: la terapia laser. Tra i rimedi più diffusi, il laser interviene in maniera selettiva sulla melanina facendo scomparire le macchie una seduta dopo l'altra.

Come si esegue
Mentre la terapia topica si esegue a casa propria, semplicemente applicando i prodotti prescritti dal medico, gli altri trattamenti si eseguono in laboratorio. Nessuno di essi è doloroso per il paziente. Il peeling chimico sfrutta l'azione di acidi come il glicolico, il mandelico e gli alfa idrossiacidi. Queste sostanze intervengono sulla pelle arrestando l'azione dell'enzima tirosinasi, il maggiore responsabile della produzione di melanina. Lo specialista ha il compito di preparare la cute all'applicazione di queste sostanze, scegliendo il tipo di peeling più adeguato al paziente. Il trattamento di rimozione delle macchie cutanee mediante la crioterapia si avvale dell'azoto liquido, che può essere applicato con diverse tecniche. Tra queste la più utilizzata per le macchie cutanee è quella a spruzzo: le lesioni sono trattate con uno spruzzo di azoto liquido che fuoriesce da una bomboletta posizionata poco distante dalla parte da curare. Tale metodica sfrutta l'azione dell'azoto liquido che sulla lesione crea un'ustione da freddo, portando le cellule alla morte. Quanto al laser, è il dermatologo a stabilire il tipo di laser e la lunghezza d'onda più opportuni. La metodica è semplice, e solo se le macchie sono posizionate in aree particolarmente sensibili si ricorre all'uso di creme anestetiche.

Risultato
Il trattamento di rimozione delle macchie cutanee, qualsiasi sia la tecnica scelta tra quelle elencate, si propone di intervenire sulla pelle in maniera efficace ed indolore. Il numero delle sedute di trattamento necessarie per il conseguimento di buoni risultati dipende da diversi fattori, dall'estensione delle macchie alla tipologia, fino alla loro intensità di pigmentazione. In genere per le macchie piccole e poco pigmentate si ottengono nell'immediato ottimi risultati. Per quelle più estese e scure è necessario attendere qualche seduta in più per rimanere soddisfatti.

Altre informazioni
Se si decide di ricorrere ad un trattamento di rimozione delle macchie cutanee il dermatologo indicherà al suo paziente il centro specializzato a cui rivolgersi, fornendogli tutte le informazioni del caso. Dopo una visita preliminare in cui verranno valutate le condizioni di salute del paziente e delle macchie da trattare si potrà procedere con la terapia di rimozione delle macchie.