Visita dermatologica pediatrica

Visita dermatologica pediatrica

Cos'è
La visita in dermatologia pediatrica, effettuata dal dermatologo su pazienti in tenera età, consiste nell'esame della cute e dei suoi annessi, cioè unghie, peli e capelli. Questo tipo di prestazione medica interessa bambini e ragazzi, dalla nascita fino all'età adolescenziale. La cute dei giovani pazienti appare molto più delicata rispetto a quella di un adulto e presenta caratteristiche particolari che richiedono grande esperienza e competenza da parte del medico. La pelle del bambino, così sottile e delicata, non è dotata di un film idrolipidico tale da essere una barriera resistente alle aggressioni esterne, per cui risente più facilmente di arrossamenti, irritazioni e dermatiti. Necessita, pertanto, di maggiore cura ed attenzione. La visita in dermatologia pediatrica ha lo scopo di prevenire nell'età infantile la comparsa di fenomeni patologici a carico della pelle, delle unghie e dei capelli, oltre che di diagnosticare e curare le anomalie cutanee che si sono manifestate.

Come si esegue
La visita in dermatologia pediatrica consiste nell'ispezione visiva della cute dei piccoli pazienti e nell'utilizzo di strumentazioni per diagnosticare e curare le lesioni a carico della pelle e degli annessi cutanei. In base alla sintomatologia che si presenta, al dermatologo potrà essere sufficiente l'esame visivo della cute per diagnosticare il tipo di patologia, come nel caso delle malattie esantematiche. In altre situazioni, come in presenza di nei anomali, il medico potrà avvalersi di strumenti sofisticati e non invasivi, come il dermatoscopio ad epiluminescenza che gli consentirà la diagnosi, la mappatura dei nei e il loro successivo controllo.
Durante l'infanzia la pelle del bambino potrà essere esposta ad infezioni virali, come verruche e mollusco contagioso, ad infezioni batteriche, come l'impetigine, ad infezioni micotiche, come la candidosi, o anche ad infezioni ad opera di parassiti, come la scabbia e i pidocchi. Inoltre, nell'età adolescenziale, molti ragazzi vengono colpiti dall'acne giovanile. In tutti questi casi la visita dal dermatologo permette di affrontare e controllare la situazione cutanea con la giusta terapia e con le appropriate norme igieniche.

Risultato
Fin dalla prima infanzia, la visita in dermatologia pediatrica può essere davvero molto utile, non solo ai bambini per alleviare o risolvere piccoli disagi, ma anche ai genitori per ottenere una diagnosi certa sullo stato di salute della cute del bambino e per conoscere quali comportamenti adottare anche in caso di lievi disturbi transitori. Può essere il caso di una dermatite seborroica, di un eritema solare, di un arrossamento nella zona del pannolino, di un'alopecia areata, causata da malattie autoimmuni o da un periodo di stress che il bambino attraversa. 
Non solo per curare, ma anche per proteggere la pelle delicata dei bambini e mantenerla in buona salute, è importante che i genitori richiedano una visita in dermatologia pediatrica, affinché il dermatologo stabilisca il fototipo di appartenenza del bambino, per poter valutare i tempi massimi di esposizione al sole e la protezione adeguata al tipo di pelle. Questo è fondamentale per prevenire lesioni profonde provocate dai raggi ultravioletti e che nell'età più adulta potrebbero essere responsabili della comparsa di melanomi. Questa azione di prevenzione si completa con la mappatura dei nei presenti sulla cute del bambino, da eseguire già nell'età infantile, per valutare eventuali cambiamenti nel corso del tempo. Per molte problematiche cutanee che possono interessare i piccoli pazienti, è necessaria la stretta collaborazione tra dermatologo e genitori, affinché il bambino adotti lo stile migliore di vita e subisca il minore disagio possibile. 

Altre informazioni
La visita in dermatologia pediatrica può essere richiesta sia nelle strutture pubbliche che nelle strutture private. Per sottoporre i piccoli pazienti ad una visita dermatologica in una struttura pubblica, è necessario munirsi di una prescrizione del pediatra e prenotare la visita, tramite CUP, nella Asl di appartenenza. La prestazione richiesta verrà effettuata previo pagamento del ticket previsto dal sistema sanitario.