Coronavirus (COVID-19):
prenota i dottori che offrono la consulenza online
Vedi tutti
Visita proctologica

Visita proctologica

1.    Cos’è
2.    Come si esegue
3.    Risultato
4.    Altre informazioni

Cos’è
Dal chirurgo generale specializzato in patologie ano-rettali viene effettuata la comune visita proctologica, in presenza di disturbi anali o perianali, come bruciore, sanguinamento, dolore all'evacuazione, irritazione, ed in seguito a screening per la ricerca del sangue occulto nelle feci con risultato positivo. Durante la visita può essere effettuata un'esplorazione ano-rettale mediante introduzione di un dito nell'ano precedentemente lubrificato, oppure con l’uso della colonscopia. Le patologie proctologiche più comuni sono le emorroidi, la ragade anale, le fistole perianali con o senza ascesso, la condilomatosi e l'ipertono sfinterico.

Come si esegue
La prima fase della visita prevede un colloquio anamnestico con lo specialista, in cui vengono descritti i sintomi del paziente e viene ripercorsa la sua storia clinica. Dopodiché si procede con la visita generale e l’esplorazione rettale. Il paziente viene fatto accomodare sul lettino e invitato a sdraiarsi sul fianco sinistro in posizione fetale. Talvolta la visita può avvenire col paziente inginocchiato o in posizione ginecologica. Il proctologo inserisce poi delicatamente un dito nell’ano, anche con l’aiuto di un lubrificante. L’esame non causa dolore, e in presenza di forte fastidio viene immediatamente interrotto. Per effettuare una diagnosi più attendibile si può procedere con l’anoscopia o proctoscopia, che consiste nell’introduzione a livello del canale rettale dell’anoscopio o proctoscopio, un piccolo cilindro di plastica trasparente monouso (lungo circa 5-6 cm) che permette un’ispezione più approfondita del canale ano-rettale. Anche in questo caso i fastidi  dovuti al corpo estraneo sono minimi. L’anoscopia permette l’esplorazione del canale anale, mentre la rettoscopia favorisce l’ispezione del retto fino ad una profondità di  15-18 cm. Qualora queste due indagini non portino ad una diagnosi, si può valutare la possibilità di approfondire i sintomi con la pianificazione di una colonscopia.  

Risultato
Mediante la visita vengono individuate eventuali problematiche che possono essere approfondite con ulteriori esami, oppure dare il via ad una terapia farmacologica o alla pianificazione di un intervento chirurgico.

Altre informazioni
Non è richiesta alcuna particolare procedura in preparazione alla visita. Di norma è sufficiente che il paziente abbia evacuato recentemente; solo in rari casi (tra cui la stitichezza) può essere necessario un clistere o l’uso di lassativi.