Coronavirus (COVID-19):
prenota i dottori che offrono la consulenza online
Vedi tutti
ottobre 2019 Milano

Burnout: da quando è stato riconosciuto come sindrome dall’OMS ricerche di specialisti in aumento del 12%

Più di una richiesta su tre proviene da Milano

A distanza di quattro mesi dal riconoscimento ufficiale della sindrome del burnout da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, gli italiani sembrano più attenti ai sintomi e alla cura delle conseguenze. Ad affermarlo è Dottori.it (https://www.dottori.it), sito e App leader in Italia per la prenotazione di visite specialistiche, che dal mese di giugno ha rilevato un incremento delle ricerche dei pazienti per questa patologia pari al 12%.

 

La maggiore attenzione verso questa sindrome, si traduce anche in un aumento delle prenotazioni di visite per psicologi e psicoterapeuti specializzati in burnout e stress da lavoro che, nel corso dell’ultimo anno, sono cresciute del 24%

Ma quanto costa rivolgersi a un professionista della salute in grado di affrontare questo problema? Secondo l’analisi del portale la spesa media si aggira fra gli 80 e i 120 euro a seduta.  

 

Più che gli uomini, sono le donne a ricercare maggiormente l’aiuto di questi specialisti, tanto da generare il 62% delle richieste sul portale legate al burnout. Un paziente su tre di quelli che vogliono prenotare una visita per problemi di stress da lavoro ha un’età media compresa fra i 25 e i 34 anni. Il 22%, invece, rientra nella fascia dai 35 ai 44 anni, tipicamente culmine della propria carriera lavorativa e quindi a maggior rischio burnout. Non è un caso che i pazienti da cui si registrano meno richieste di visite siano gli under 24 e gli over 65.

 

Il caos, i ritmi frenetici e gli impegni lavorativi, sembrano essere causa di stress e depressione soprattutto nelle grandi città del Nord Italia. È da Milano, ad esempio, che proviene oltre un terzo delle richieste sul portale per medici specializzati nel burnout (36%). Seguono nella classifica delle città dove si ricercano maggiormente specialisti nella cura dell’esaurimento lavorativo Bologna (17%) e Torino (11%). Al quarto posto si trova Roma con il 9% dei pazienti, mentre in fondo alla classifica si trovano le città del Sud Italia da cui non si registrano particolari volumi di prenotazioni per questo disturbo.

Materiale correlato

Ufficio Stampa Dottori.it

Giulia Rabbone, Federica Tordi

ufficiostampa@dottori.it